Hai presente i complottari? Quelli che smaronano per ogni minchiata letta su pagine dalla dubbia provenienza, tipo "la luna è un ologramma proiettato sulla terra piatta (che però è cava) nel nostro universo (che però è matrix) controllato dai rettiliani del NWO tramite sciechimiche".

Un branco di fenomeni.

Beh, oggi ti racconterò del Complotto Della Ragazza Cinese Che Ride.

Ogni volta che mi faccio un giro da qualche parte la vedo, e fino a non molto tempo fa credevo di avere le visioni. Troppo internet? Troppa poca attenzione al mondo reale fino a confondere le cose fra realtà e fantasia?
Del resto la teoria più accreditata per spiegare il fenomeno dei dejavu è proprio la ripetitività del quotidiano o della similitudine fra situazioni vissute.
A me appare sempre LEI, ovunque, e a quanto ho capito ci faccio più caso rispetto ad altri. Non scherzo, nonostante lei sia ovunque, molti non la notano. Come se facesse parte dell'arredamento della nostra esistenza, come se ormai fossimo abituati alla sua allegria smodata, come i cartelloni pubblicitari di Essi Vivono in bella vista ma nascosti.

Ogni volta che faccio un giro su Groupon, ogni volta che io e la mia ragazza paghiamo con i ticket, ogni volta che banalmente vado a leggere un tutorial in rete... c'è lei.

Foto scattata da me al Panorama di San Mauro

LOL

Ok, chiudo con questo tono da complottaro altrimenti rischio di apparire davvero ossessionato dalla cosa, anche se ne avrei tutto il diritto visto che parliamo di un fenomeno virale ed allo stesso tempo inosservato.

Facendo un po' di ricerca sulla rete scopro che la ragazza in foto si chiama Rebecca Ariane Givens, tizia franco-canadese con mamma cinese, che un bel giorno ha guardato la sua laurea in Legge con noia decidendo che il tribunale non fa per lei. Decide quindi col suo ragazzo di fare dei book fotografici per provare a intraprendere la carriera da modella.
Credo sia stata più furba di molte altre in tal senso, perché piuttosto che pubblicare il book fotografico su Facebook o fare provini a nastro senza approdare a nulla per via della concorrenza, lei si è messa in proprio e ci ha ricavato del buono: l'ha pubblicato su Shutterstock.

Shutterstock è un enorme archivio per professionisti di foto e video ad alta risoluzione, con i contenuti suddivisi fra loro a seconda del contesto, e molto di questo materiale è rivolto esclusivamente al mondo del marketing.

Insomma, vuoi pubblicizzare la tua attività nel settore della compravendita di trattori anali? Loro hanno sicuramente una foto contestualizzata che fa al caso tuo.

Dall'altro lato della barricata se sei un fotografo o comunque un creatore di contenuti, pubblicando sul loro archivio ti becchi degli spiccioli per ogni tua foto o video scaricato dal cliente, a patto che rimanga senza watermark riconducibili a te o alla tua agenzia e che sia disponibile con la risoluzione più alta possibile. DeviantArt a pagamento per professionisti, insomma.

Il problema è che le foto di Ariane piacciono a qualunque grafico pubblicitario del mondo annoiato e sottopagato, tanto che in breve tempo diventano virali soprattutto fuori dal catalogo di Shutterstock.

...copia e incolla, copia e incolla... e così via.

Consideriamo insieme la cosa: immagina per un attimo di piazzare una tua foto su internet per fare due spiccioli, e che dal giorno dopo improvvisamente tutti cominciassero a indossare magliette col tuo faccione stampato sopra. All'inizio può venirti da ridere, ma poi? Sei famoso per il tuo aspetto, ma nessuno conosce il tuo nome e non hai nessun ingaggio. Ci sei e continui a comparire in modo esponenziale e incontrollato, senza però andare a sgambettare sulle passerelle o ricevere barcate di soldi da marchi famosi.

Se fossi una celebrità potresti semplicemente mollare il palco e ritirarti a vita privata cercando di mantenere il massimo riserbo, come Battisti per dirne uno, e piano piano le voci su di te si calmerebbero fino a diventare soltanto un brusio.
Ma in questo caso no: Internet è un treno in corsa che non puoi fermare, e quel tuo faccione continuerà ad infestare la Rete per gli anni a venire.
Pensate che c'è ancora chi si sega su Tiziana Cantone...

Comunque sia se IO mi trovassi in questa situazione mi incazzerei a mostro, ma lei invece è più furba e ci ride su (e figurati) prendendola con filosofia per il fatto di essere l'unica donna al mondo ad averci guadagnato col "pagamento in visibilità", aprendo pure un blog dove raccoglie quanto ha seminato. A ben pensarci anche quel che sto pubblicando io in questo momento è l'ennesima pagina che parla di lei. Fa un po' strano, eh?

Non so dare un perché... se sia perché sorrida sempre (componente fondamentale del marketing se intendi convincere un cliente a comprare da te) o banalmente per il fatto che ormai la trovi anche gratis su Google Immagini, ma a questo punto e per semplice osmosi è più famosa delle tette di Irina Shayk. Eppure pochi sanno dare un nome a quel sorriso, o dire dove l'abbiano visto, mentre le tette di Irina favoriscono gli incassi di Intimissimi e Luxottica.

Fra l'altro, a ben pensarci, Ariane è diventata famosa su Internet senza spogliarsi e mantenendo per anni l'anonimato!
È un caso UNICO nel mondo di oggi, e tutto questo grazie alla pigrizia dei grafici sparsi nel mondo o allo scarso budget a loro concesso!

Se dovessi dare un volto a Internet probabilmente sarebbe quello di Ariane, che semplicemente sorridendo per qualsiasi cazzata spopola su Tumblr, Facebook, Reddit e vanta persino un eBook dedicato interamente a lei e di come sia riuscita col suo ragazzo a sfruttare il fenomeno della viralità, producendo fino ad oggi più di 4000 foto ritraenti loro due (ma soprattutto lei) in ogni contesto possibile ed immaginabile, senza mai uscirle.

Checkmate, femministe.